lunedì 6 novembre 2017

Definite le modifiche al servizio rifiuti

SERVIZI PUBBLICI

Previsto il porta a porta per la zona rurale, cambieranno gli orari per la raccolta nel centro storico. L’Assessore Speciale: “L’obiettivo è arrivare almeno al 65% di differenziata”. Oliva (Porta Nuova): “I problemi resteranno sostanziali”

 

di Orazio Perillo 

Il servizio rifiuti cambierà ancora! Come anticipato negli scorsi numeri di Agorà, sono state definite le variazioni al sistema di raccolta ed è stato trovato l’accordo con l’attuale gestore, la ditta Monteco. La principale novità riguarderà le utenze della zona rurale, con l’introduzione del porta a porta: previsti infatti 2 passaggi a settimana per la raccolta del secco residuo, uno per la plastica e un passaggio ogni 2 settimane per carta, cartone e multi materiale pesante. Saranno inoltre consegnati a ciascuna utenza dell’agro due mastelli da 30 Litri e una compostiera per lo smaltimento dell’umido. Si resta però in attesa degli sviluppi giudiziari della gara indetta dall’ARO BA 6 per la fornitura delle stesse compostiere. 
Variazioni sono previste anche per il centro urbano: cambieranno gli orari della raccolta nel centro storico (che avverrà dalle 8:00 alle 9:30) e si procederà a scorporare la raccolta domiciliare della plastica da quella dei metalli, e del vetro da quella delle lattine, al fine di ottenere un contenimento dei costi. “Nei primi giorni verrà garantito un secondo passaggio degli operatori ecologici oltre le 9:30 e si sta valutando la possibilità di garantire al contempo la presenza degli informatori ecologici e di vigili per spiegare le novità”, ha affermato l’assessore all’ambiente Vito Speciale nel corso del Consiglio comunale dello scorso 28 settembre, in cui sono state ufficializzate le modifiche. “L’obiettivo, spiega Speciale, è quello di raggiungere almeno il 65% di raccolta differenziata. La campagna informativa partirà a breve, in attesa che si sblocchi la gara per la fornitura delle compostiere”, assicura l’assessore, che nell’occasione ha bocciato le proposte del gruppo Porta Nuova, considerandole troppo onerose.
Prevista inoltre l’assunzione di ulteriori tre unità lavorative, con il maggior costo del servizio che sarà coperto dal risparmio nei costi di biostabilizzazione e dai proventi derivanti dalla vendita dei prodotti differenziati. 
Dall’opposizione sembra trapelare qualche perplessità sull’intero progetto. “Noi siamo per un sistema completamente diverso”, spiega il capogruppo di Porta Nuova per Locorotondo, Giovanni Oliva. “Prendiamo atto che alcune modifiche al servizio da noi suggerite sono state apportate, ma i problemi rimangono sostanziali. La nostra proposta delle isole ecologiche con accesso tramite Tessera Sanitaria spiega Oliva, va nella direzione di incentivare i cittadini a differenziare garantendo allo stesso tempo un vantaggio economico. Per un anno, continua Oliva, ci è stato detto dalla maggioranza che il sistema di raccolta non poteva essere modificato, salvo poi cambiarlo radicalmente come sta avvenendo ora. Questa è la conferma che le nostre preoccupazioni erano fondate…”

Intanto da lunedì 16 ottobre sono cambiati gli orari di apertura del Centro di Raccolta di c.da Marangi: dal lunedì al sabato sarà aperto dalle 8:30 alle 12:00, il giovedì anche dalle 15:00 alle 18.00. Prevista inoltre anche l’apertura domenicale, dalle 9:00 alle 12:00.

Nessun commento:

Posta un commento

Locorotondo. Taglio radici e ramificazioni su strade: c'è l'ordinanza

Di seguito il comunicato del Comune  È stata emanata nei giorni scorsi l'ordinanza che obbliga il taglio di radici e delle rami...